TERMINI DI RESA INCOTERMS ®: NUOVA PRONUNCIA DELLA CORTE DI CASSAZIONE

13 Luglio 2023

Tramite l’ordinanza 11346/2023 depositata il 2 Maggio 2023, la Corte di Cassazione si è espressa sul tema della rilevanza delle clausole Incoterms® ai fini della determinazione del luogo di consegna della merce. Nello specifico, focalizzandosi sul termine di resa Ex-Works (EXW), i giudici hanno stabilito che tale clausola, inserita all’interno di un contratto di compravendita di beni con movimentazione di merce fra due Paesi comunitari, è utilizzabile per individuare la giurisdizione in caso di controversie fra i soggetti coinvolti.

Il caso oggetto della sentenza riguarda uno scambio di merce tra due aziende comunitarie (cedente italiano e cessionario francese), per la quale è sorta una controversia dovuta al mancato pagamento di una fornitura. Entrambe le parti coinvolte hanno concordato di apporre, all’interno di fatture commerciali e ordini, la dicitura “EXW Italy” e le Sezioni Unite, nel momento di stabilire il foro competente adibito alla risoluzione della controversia, hanno riconosciuto la giurisdizione del giudice italiano, in quanto il luogo di consegna concordato fra le parti era lo stabilimento del venditore.

In riferimento alla casistica i giudici hanno quindi:

  • confermato “la capacità delle clausole Incoterms “Ex-Works” di determinare, in assenza di elementi che indichino con evidenza il contrario, il luogo della consegna delle merci, e di riflesso la giurisdizione», quale «luogo di esecuzione dell’obbligazione dedotta in giudizio» (articolo 7, paragrafo 1, regolamento Ue 1215/2012)”;
  • allineato l’orientamento nazionale alle precedenti decisioni della Corte Europea, nelle quali veniva specificato che “al fine di determinare il luogo di consegna il giudice nazionale deve tenere conto di tutti i termini e di tutte le clausole rilevanti di tale contratto, ivi compresi, eventualmente, (…) gli Incoterms, purché idonei a consentire l’identificazione, con chiarezza, di tale luogo» (cause C-87/10 Electrosteel e C-196/15 Granarolo).

Data l’importanza della sentenza e i potenziali risvolti sopra riportati, si ricorda come sia sempre consigliabile, per le aziende, utilizzare i termini di resa Incoterms® tenendo in considerazione, oltre agli elementi “diretti”, anche le conseguenze implicite.

I possibili accorgimenti, al fine di assicurare una maggior tutela nello svolgimento delle operazioni, sono di indicare, nella documentazione contrattuale, una dicitura che, in caso di controversia, possa esplicitare chiaramente il foro competente, oppure una dicitura che possa limitare il significato dell’Incoterms®, in modo tale da specifica espressamente che il luogo di consegna concordato sia legato a tali aspetti di natura giudiziaria.   

Lo Studio rimane a disposizione per approfondimenti in materia.

Accedi per leggere l'articolo completo.
Senior Advisor
Specializzato in Internazionalizzazione d’impresa, Consulente di associazioni e Unioncamere Lombardia. Relatore in seminari su Classificazione doganale, Tecnica e legislazione doganale, Trasporti, Origine della merce, IVA intracomunitaria ed extracomunitaria. Partecipa al comitato redazionale di International Tools.
 
Contatti
Via Paradigna 38/A
43122 Parma (PR) | Italia

Tel: +39 0521 289546
Fax: +39 0521 386558
Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Compila il form per essere ricontattato
 
© 2022 Studio Carbognani srl | P.Iva 02085250344 | tutti i diritti riservati
© 2022 Studio Carbognani srl | P.Iva 02085250344 | tutti i diritti riservati